Filler in chirurgia estetica

Il filler in chirurgia estetica è un dispositivo medico prodotto per essere infiltrata nel derma o nell’epidermide con lo scopo di riempire i tessuti e quindi correggere le rughe, aumentare il volume o alzare avvallamenti.

Cos’è

Il filler in chirurgia estetica è un dispositivo medico prodotto per essere infiltrata nel derma o nell’epidermide con lo scopo di riempire (fill=riempire) i tessuti e quindi correggere le rughe, aumentare il volume (ad es. degli zigomi) o alzare avvallamenti. I filler – ne esistono di diversi tipi – sono quindi impiegati per correggere inestetismi.

Dove si usano i filler?

Le infiltrazioni di queste sostanze riempitive possono essere eseguite efficacemente per:

  • Correggere le rughe superficiali presenti attorno alla bocca
  • Ridurre le zampe di gallina
  • Evidenziare il profilo delle labbra
  • Riempire le pieghe cutanee come quella naso labiale
  • Aumentare il volume degli zigomi e del meno
  • Aumentare il volume del seno
  • Correggere alcuni difetti della mastoplastica additiva
  • Correggere cicatrici depresse

La maggioranza dei filler sono riassorbibili per cui bisogna considerare che per mantenere il risultato è necessario ripetere la seduta un determinato periodo di tempo.

Le iniezioni vengono di solito eseguite per la correzione delle pieghe naso labiali e rughe del viso. Vengono anche eseguite per l’aumento dei volumi di zigomi e labbra. Il paziente deve essere consapevole che i filler riducono gli inestetismi ma spesso questi non vengono eliminati.
Comunque il risultato è temporaneo e quindi per mantenere l’effetto bisognerà sottoporsi ciclicamente alla seduta.

Ci sono tantissimi tipi di filler che vengono prodotti specificamente per determinati impieghi. Il primo fattore di classificazione della sostanza è la durata. Ci sono quelli che si riassorbono in 3 mesi, quelli che durano di più e alcuni che sono addirittura permanenti. In passato questi ultimi erano molto richiesti ma oggi invece si preferisce procedere con i filler temporanei che non presentano controindicazioni di lungo termine.

Un altro fattore di classificazione è la densità della sostanza. Quelli meno densi sono adatti ad essere infiltrati in superficie e servono per correggere le rughe superficiali. I filler più densi sono infiltrabili in profondità e vengono impiegati per aumentare il volume di una determinata zona.

Attualmente il filler più usato al mondo è l’acido ialuronico. Si tratta di una sostanza biocompatibile, completamente riassorbibile entro qualche mese e senza rischio di allergie.

A seconda delle caratteristiche dell’inestetismo da correggere bisogna attuare una tecnica d’infiltrazione del riempitivo efficace. La tecnica maggiormente impiegata è denominata “Iniezione lineare” e consiste nell’inserimento dell’ago alla profondità desiderata per procedere al rilascio del filler durante il ritiro dell’ago. Altra tecnica frequentemente impiegata è l’“Iniezione a ventaglio” che consiste nell’inserimento dell’ago in un unico punto per poi procedere al rilascio del riempitivo facendo varie iniezioni a raggiera ma senza estrarre del tutto l’ago della pelle.

Di norma una seduta dura non più di 30/45 minuti e il paziente può tornare alle normali attività immediatamente. Un lieve gonfiore e rossore sono da considerarsi totalmente normali dopo il trattamento. Questi verranno riassorbiti spontaneamente nell’arco di qualche giorno. L’esposizione solare va evitata finché il riassorbimento è non completo.

Il trattamento infiltrativo ottiene il risultato immediatamente. Bisogna osservare qualche indicazione nei giorni successivi al trattamento come 1) non esporsi ai raggi solari e 2) evitare di massaggiare la zona.

È possibile la formazione di ecchimosi che verranno riassorbite spontaneamente entro qualche giorno dalla seduta. In questo caso non bisogna esporsi al sole fino alla completa scomparsa delle ecchimosi.

Il risultato è stabile quindi per i mesi successivi a seconda del tipo di filler impiegato. Quelli di buona qualità tendono ad essere più durevoli nel tempo anche se bisogna sottolineare che la permanenza del filler è legata anche a caratteristiche soggettive del paziente.

Dopo qualche mese l’effetto estetico ottenuto dal trattamento inizierà a regredire progressivamente. Si può procedere con un’altra seduta infiltrativa per prolungare il risultato desiderato. Non esistono controindicazioni alla ripetizione della seduta se il prodotto scelto è di elevata qualità.

Il costo dei trattamenti con filler possono variare moltissimo. I fattori rilevanti ai fini della determinazione del costo sono:

  • categoria di filler
    Es: infiltrato acido ialuronico, collagene, acido polilattico, ecc
  • tipo di filler
    Es: acido ialuronico con diverso peso molecolare
  • quantità di filler
    Il prezzo varia a seconda della quantità di sostanza
  • zona interessata al trattamento
    Infiltrare gli zigomi richiede meno perizia che modellare le labbra

Il costo del trattamento comunque varia da 200 a 1000 euro.

La tua salute inizia qui

Appuntamenti flessibili e cure urgenti.

Chiama — +39 351 55 36 973

12 + 4 =